Busi contro il neo-analfabetismo

by

Riportiamo un articolo che trovate oggi sul Riformista, dove Nicola Lagioia interpreta lo scandalo mediatico che si è scatenato nell’ultima settimana intorno alle parole e al personaggio di Aldo Busi, e intorno a quella che può essere definita una legittima e fallimentare crociata contro l’Italia dei neo-analfabeti.

di Nicola Lagioia

Questa sera andrà in onda su Rai Due la quinta puntata dell’«Isola dei Famosi», la prima senza Aldo Busi, neanche in studio, a meno di un’indulgenza plenaria emersa all’ultimo momento dalle acquasantiere della Rai.
Come è noto, nei giorni scorsi la tv di stato ha disposto – unendo destra e sinistra nell’unica perversione incoraggiata bipartisan, e cioè l’incesto tra potere e ipocrisia – di bandire da ogni trasmissione delle proprie reti l’autore di Seminario sulla gioventù e di quell’altra trentina di libri che dovrebbero al contrario rappresentare un salvacondotto privilegiato per l’accesso al dibattito pubblico. Ma a ben vedere, la presenza di Busi al reality (il cui vertice sta proprio nella sparata in cui la cecità dei censori ha visto offese al papa e al presidente del consiglio) è stata una cartina di tornasole capace di rivelarci a che punto è la notte del vero scontro di civiltà in atto da tre lustri in Italia. Due opposte specie antropologiche si contendono il dominio della penisola. Non cristiani contro mussulmani e non toghe rosse contro partiti dell’amore, ma coloro che affidano i propri argomenti alla corretta articolazione del linguaggio, al sillogismo, persino al paradosso – che del linguaggio è una delle possibili declinazioni – partendo dalla convinzione che un patrimonio condiviso esista (per esempio la voltaireana difesa della libera espressione delle opinioni con cui siamo in disaccordo), e quelli che al contrario usano le parole come altrettante onomatopee dell’anima, e cioè abbandonando nell’indistinto oceano della cieca, bruta e in fin dei conti violenta emozionalità (la propria) quei feti adulti di opinioni che sono gli istinti, e ai quali solo l’incubatrice del linguaggio può sperare di donare l’adultità della vita civile. Si tratta, insomma, degli analfabeti di ritorno. E la presenza di Busi all’«Isola» si può leggere come il seguente esperimento: cosa succede se in una vasca di individui pre- (o post-) linguistici viene immerso il pesce sempre più fuor d’acqua di un alfabeta?

Lunedì scorso Giovanni Sartori, partendo dai dati di Tullio De Mauro, ha lanciato l’allarme sulla prima pagina del «Corriere della Sera»: settanta italiani su cento sono analfabeti totali o di ritorno. Si tratta di una minaccia per la democrazia. Come posso partecipare alla vita pubblica se non ho i mezzi per farlo? come faccio a capire se le lusinghe di un governante nascondono la circonvenzione di (me) incapace? come faccio a persuadermi che esercitare diritti e compiere doveri ripaga, sulla lunga distanza, molto più che artigliare un privilegio? E soprattutto: che speranze ho di uscire da questo stato di minorità se sono proprio le istituzioni a incoraggiarlo? E quale istituzione è riconosciuta come tale dagli italiani più di una prima serata su una tv generalista? Ecco. Basta andare su youtube e rivedersi una delle liti tra Busi e gli altri naufraghi consumate nelle scorse settimane. Busi sarà pure indisponente e rompiscatole, ma polemizza con il prossimo cavalcando opinioni che a propria volta cavalcano ragionamenti normalmente (sarebbe bello dire: ovviamente) linguistici. Il che provoca un effetto da incubo: gli altri, semplicemente, non lo capiscono. Attacca Roberto Fiacchini, figlio adottivo di Renato Zero, perché si presenta sull’isola indossando una maglietta con su stampato il faccione del cantante, colpevole secondo Busi di aver tradito la causa degli omosessuali sull’altare della commercializzazione di sé, di cui la maglietta sul cartellone pubblicitario vivente dell’adottato sarebbe tra l’altro una prova? Bene, Fiacchini e gli altri naufraghi non rintuzzano Busi sull’argomento sollevato ma, trasformato nella loro testa il ragionamento in qualcosa di pre-linguistico e nudamente quanto pericolosamente viscerale (si sta criticando un padre al cospetto di figlio, dunque si stanno insultando gli stessi concetti di paternità e amor filiale!), si scagliano su Busi sulla base di una tautologica e indimostrata superiorità dei diritti di sangue (Gott mit us) sollevandosi in un coro indistinto di: «sei matto! sei ignorante! ma che stai a di’! quello è er padre! er padre è er padre e nun lo tocchi!» E ancora… Busi, tra un cazzeggio e l’altro, parla dei libri che ha letto? Ecco un naufrago che, indispettito, gli si fa incontro e, spalleggiato dagli altri, si esprime più o meno in questo modo: «tu te credi d’esse più accurturato de me, ma magari invece sei più ignorante. Per esempio… è vero che io nun so chi è er presidente de la repubblica e der consiglio, ma tu nun sai chi è Totti e come funziona er fuorigioco… come vedi siamo pari», non sospettando che ignorare l’identità di Francesco Totti non crea mutilazioni al nostro status di cittadini di una democrazia a suffragio universale, ma non sapere chi è il Presidente della repubblica o del consiglio invece sì. Stessa cosa, quando, la settimana scorsa, collegato con gli studi di Rai Due, Busi ha annunciato di abbandonare l’isola e ha poi osato criticare la Chiesa e Berlusconi. Bastava osservare la faccia di Simona Ventura mentre Busi esponeva le sue ragioni per comprendere che la conduttrice faticava a capire che cosa stava dicendo lo scrittore (o al massimo fingeva di far fatica, al fine di solidarizzare, anche sul piano fisiognomico, con il presunto analfabetismo del telespettatore medio). Uno dei rimproveri più frequenti della Ventura quando i ragionamenti dello scrittore lambivano le colonne d’Ercole della terza subordinata di fila era infatti: «Aldo, se parli così non ti capiscono!» E quando la conduttrice ha tentato di far tornare lo scrittore sui suoi passi («ripensaci! se te ne vai non potrai più esprimere le tue idee»), all’ovvia risposta di Busi («chi vuole conoscere le mie idee, basta che prenda un mio libro in libreria») ha reagito con uno sguardo smarrito, da cui ne ho tratto che l’unico contesto di confronto ormai possibile è per lei quello sub linguistico della tv generalista.
Ma il vero disastro democratico si è avuto il giorno dopo, con la scomunica di Busi disposta dai vertici Rai. Anche qui, tutto è partito non da un ragionamento ma dal terrore istintivo che ogni istituzione del nostro paese prova quando la parola «papa» è pronunciata in un contesto lontano da quello agiografico. Di fatto, si è punito in questo modo un reato d’opinione. Analizzando razionalmente (linguisticamente) l’invettiva di Busi, lo scrittore infatti si è limitato a: 1) muovere a Berlusconi una critica sulle tasse, il che oltre a essere legittimo è ben poco rispetto alle critiche mosse ogni giorno al premier dai suoi detrattori; 2) stigmatizzare l’ostilità verso gli omosessuali più volte dimostrata dalla Chiesa, e dunque l’omofobia che sarebbe difficile dimostrare essere aliena al Vaticano, omofobia che il papa, in quanto capo della Chiesa, non avrebbe contrastato. Omofobia che infine – e qui la coda del ragionamento di Busi deve aver fatto tremare i polsi dei censori – è spesso l’anticamera delle perversioni sessuali.
Ora, d’accordo o no che siamo con Busi: che cosa stiamo fronteggiando, se non un’opinione il cui diritto d’espressione dovrebbe essere garantito? E invece (ancora una volta) le istituzioni televisive hanno reagito alle sue parole in modo irrazionale e sub-linguistico. E cioè in modo (aggiungo io, che similmente al Vaticano credo che fede e ragione possano marciare insieme) non così diverso da come il cardinal Bagnasco e il cardinal Bertone, anziché salutare la scoperta (la scoperta, non certo l’esistenza) dei casi di pedofilia esplosi ultimamente in mezzo mondo cattolico come una manna dal cielo e un’occasione di rinnovamento all’interno della Chiesa, hanno preferito agitare l’ipotesi del complotto («qualcuno cerca di minare la fiducia nella Chiesa»), di precisare che i preti pedofili sono una minoranza rispetto a tutti i preti (il che mi sembra ovvio), quando invece la ragione imporrebbe di dire che, se i preti pedofili sono percentualmente più dei pediatri pedofili o degli architetti pedofili, allora si può e si deve evidentemente parlare di un’emergenza pedofilia all’interno della Chiesa, il che non può non scuotere la fiducia dei fedeli.
Ma forse il vero reato di Busi (il cui unico peccato è un per me inspiegabile complesso di Elettra che lo porta a invaghirsi di donne dall’esibita virilità come la De Filippi o la Ventura) è stato parlare di politica e religione non da Santoro o nel salotto di Fabio Fazio ma, direttamente, nella fabbrica di circenses e intrattenimento che alimenta – legittimandolo – l’analfabetismo di ritorno dell’italiano medio e normalmente votante, costringendolo alla suddetta condizione di minorità. È questo che il potere oggi non tollera, e ogni italiano che abbia a cuore le conquiste della democrazia da sessant’anni a questa parte dovrebbe esserne scandalizzato.

Annunci

Tag: , , , , , , , , ,

15 Risposte to “Busi contro il neo-analfabetismo”

  1. ang Says:

    grande articolo. grandissimo articolo. non aggiungo niente, i fatti sono messi a fuoco in maniera nitida, chiara, inequivocabile, se non in maniera sub-linguistica.

    sublime questo passaggio: “due opposte specie antropologiche si contendono il dominio della penisola. Non cristiani contro mussulmani e non toghe rosse contro partiti dell’amore, ma coloro che affidano i propri argomenti alla corretta articolazione del linguaggio, al sillogismo, persino al paradosso – che del linguaggio è una delle possibili declinazioni – partendo dalla convinzione che un patrimonio condiviso esista (per esempio la voltaireana difesa della libera espressione delle opinioni con cui siamo in disaccordo), e quelli che al contrario usano le parole come altrettante onomatopee dell’anima, e cioè abbandonando nell’indistinto oceano della cieca, bruta e in fin dei conti violenta emozionalità (la propria) quei feti adulti di opinioni che sono gli istinti, e ai quali solo l’incubatrice del linguaggio può sperare di donare l’adultità della vita civile.”

  2. enpi Says:

    e se fosse – semplicemente – tutto falso?
    possibile che sui media di Stato ci siano tali bug?
    [bug che consentirebbero di esprimere davvero un’opinione, finestre di buon senso e verità, in !telvisione!…] mi sembra difficile. sì.
    ingenuo – credo – immaginare che il Controllo sia così labile e ingenuo. non conosco la vicenda, ma son certo che sulla Rai non si faccia distinzione tra una bestemmia e un vaffanculo. fanno audience – ed eccitano i benpensanti – entrambi, tutt’e due. ed è facile “metterle all’angolo”.

    poi c’è la questione dell’analfabetismo di ritorno: altra bufala ricorsiva. se ne parla da trent’anni e prima lo eravamo sul serio, analfabeti.

    io credo che il punto decisivo sia l’isolamento, l’individualismo coatto. l’assenza di: piazza, dibattito, discussione.
    cosa in parte surrogata – per una minoranza davvero esile [qualche migliaia di italiani] – dalla Rete 2.0. ma, in fondo, del tutto assente.

    questo, in breve.
    e-

  3. Laura Says:

    Un bellissimo articolo.E credo sia proprio come dici tu.:lo scandalo è l’aver parlato di queeste cose non da Fazio o dalla dandini, ma l’essere andato nella fossa dei leoni.

  4. Eva Says:

    Rispondo ad Enpi.
    Il dato riportato dal Corriere della Sera non si discosta più di tanto dal risultato di un’indagine Ocse (marzo 2009), poi confluito in una relazione dell’Onu, e che stimava intorno al 65% la percentuale di analfabetismo funzionale nella nostra nazione.
    L’analfabetismo funzionale non va assolutamente confuso con l’analfabetismo propriamente detto. L’analfabeta funzionale è infatti colui che sa leggere, scrivere e far di conto, ma non è in grado di rielaborare queste strumentalità in modo autonomo, al fine di curvarle alle proprie esigenze. L’analfabeta di ritorno, magari, sa anche chi sono i vari Leopardi e Manzoni e cosa hanno scritto, ma posto di fronte ad un testo, neanche troppo complesso, non è assolutamente in grado di comprenderlo. Spessissimo, l’analfabeta funzionale non è in grado di comprendere neanche un semplice modulo da compilare con i propri dati. E’ come un computer dotato di software sofisticatissimi, che però non è in grado di utilizzare fino a quando non riceve il “comando” appropriato. Questo tipo di analfabetismo è pericoloso per una popolazione perché non è assolutamente in grado di percepirlo: vive nella convinzione di saper leggere, scrivere e far di conto e si illude che questo sia sufficiente a muoversi in una società che è invece dominata dalle trappole della nuova comunicazione.
    Quanto all’articolo, bello, sì, ma non intervengo sulla questione: non ho mai visto alcun reality e questo fa di me un’ analfabeta funzionale di ultima generazione.

    Un cordiale saluto a tutti,
    Eva

  5. Federica Says:

    Trovate anche un interessante articolo a questo link:

    http://ainostriposti.wordpress.com/2010/03/18/il-misterioso-caso-di-aldo-busi-sullisola-dei-famosi

  6. enpi Says:

    Eva, son sicuro che sai che si tratta di stime.
    e che andrebbero guardati tutti i dati OCSE, le medie storiche ecc.; e andrebbe fatto uno scarto quadratico medio buttando dentro qualche centinaio di variabili, per migliorare l’informazione.
    e alla fine… non vorrebbero dire nulla lo stesso, questi dati.

    quello che ci sta accadendo necessita analisi qualitative.

    e-

  7. williamdollace Says:

    “ma, direttamente, nella fabbrica di circenses e intrattenimento che alimenta – legittimandolo – l’analfabetismo di ritorno dell’italiano medio e normalmente votante, costringendolo alla suddetta condizione di minorità. È questo che il potere oggi non tollera, e ogni italiano che abbia a cuore le conquiste della democrazia da sessant’anni a questa parte dovrebbe esserne scandalizzato.”

    assolutamente. ormai tutto è paradossalmente fuori da ogni logica e anche fuori da ogni caos

  8. Enrico Macioci Says:

    Il finale dell’articolo è sacrosanto: nemmeno io perdonerò mai a Busi d’aver dimostrato in maniera così cristallina che contro la tv l’intelligenza è impotente. E’ questo il vero dramma di oggi. Un dramma antropologico.

  9. iori guerriero Says:

    analfabetismo funzionale, analfabetismo di ritorno, parole parole, cascate, valanghe di parole. migliaia di giornalisti, scrittori, opinionisti. non credo sia un fatto di testa ma di PALLE. luttazzi nel suo monologo ha dato una idea dell’appecoramento della gente comune, ma sopratutto dei masmedia.

  10. Marco Crestani Says:

    Davvero un bell’articolo.

  11. LUCA T. Says:

    “Ma forse il vero reato di Busi (il cui unico peccato è un per me inspiegabile complesso di Elettra che lo porta a invaghirsi di donne dall’esibita virilità come la De Filippi o la Ventura) è stato parlare di politica e religione non da Santoro o nel salotto di Fabio Fazio ma, direttamente, nella fabbrica di circenses e intrattenimento che alimenta – legittimandolo – l’analfabetismo di ritorno dell’italiano medio e normalmente votante, costringendolo alla suddetta condizione di minorità.” Questo è il pezzo migliore. Complimenti.

  12. Eva Says:

    Per Iori guerriero.
    L’appecoramento della gente comune è direttamente proporzionale al suo tasso di alfabetizzazione. Una persona che ha raggiunto un certo livello culturale sviluppa una maggiore capacità critica ed ha a disposizione strumenti più forti a sostegno delle proprie idee.

    Per Enpi.
    Le “stime” di cui parliamo sono fondate su calcoli e modelli matematici che non mi sento di rigettare a priori, malgrado l’uso troppo disinvolto di dati e sondaggi cui la stampa nostrana ci ha ormai abituati ( e non è un caso che una tale indagine sia praticamente stata ignorata dai tg, per esempio). Percentuali di questo tipo, ammesso che non siano attendibili, costituiscono un camapnello d’allarme che non dovremmo ignorare, pensando che prima analfabeti “lo eravamo sul serio”. Gli analfabetismi sono tanti e tutti, purtroppo, presenti nel nostro Paese. L’indagine Ocse si spingeva ben più in là e metteva in relazione l’alto tasso di analfabetismo con il livello di corruzione raggiunto dal nostro Paese (il più alto dell’Ue ed uno dei più alti nel mondo). E tutto questo non può non avere ricadute in campo politico.

    Sull’indagine Ocse rinvio al sito:
    http://linguaditerra.wordpress.com/2009/02/25/corruzione-crisi-linguistica/

  13. Eva Says:

    Ops! “il grado di appecoramento della gente comune è direttamente proporzionale al suo grado di analfabetismo (o inversamente proporzionale al suo grado di alfabetizzazione)”. Ho fatto un minestrone.
    Saluti a tutti.
    Eva

  14. iori guerriero Says:

    per Eva; non è nella testa il problema ma nel cuore; chi ha cuore e non sa umilmente tace, chi ha cuore e sa umilmente insegna.

  15. Eva Says:

    Il problema è che “chi ha cuore e umilmente tace”, troppo spesso lascia che a parlare in sua vece sia chi un cuore non ce l’ha (e a volte neanche una testa), ma ha in compenso tanta voce per latrare. E spesso, la vera umiltà non è nell’insegnare, ma nel riconoscere cha abbiamo sempre, tutti, tanto da imparare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: